Annuncio

    Annuncio


    Pagina 9 di 9 primaprima ... 789
    Visualizzazione da 81 a 85 di 85
    Discussione: VERITA' VS MENZOGNA ( Infamia Globale )
    1. #81
       Generale CSM
       Administrator
      Forum Utente non accreditato
      Dal: gennaio 2003
      Prov: MI - Milano
      Messaggi: 63 674
      Profilo: 23519 visite
      Gradimento: 389
      9.1

      n€Store
      Cash: n€ 230 364=
      Banca: n€ 15 034=

      Re: VERITA' VS MENZOGNA ( Infamia Globale )

      Cinquant’anni fa, nel 1964, il professore della Columbia University Richard J. Hofstadter scrisse per la rivista Harper’s un saggio così influente e fortunato che ancora adesso non si può fare a meno di citarlo durante le discussioni colte sulla politica americana. L’articolo di Hofstadter, poi diventato un libro, è Lo stile paranoico della politica americana, un trattato sull’influenza delle teorie complottistiche nella politica statunitense. Lo stile paranoico fu scritto ai tempi della vittoria del senatore conservatore, e guru del movimento libertario, Barry Goldwater alle primarie repubblicane per la presidenza degli Stati Uniti, e descriveva la cultura del sospetto, le manie persecutorie e le fantasie dietrologiche che seguirono l’ascesa del senatore dell’Arizona, e non solo la sua. Naturalmente alla Casa Bianca poi fu eletto il democratico Lyndon Johnson, nella più ampia vittoria a valanga mai registrata alle presidenziali, a dimostrazione che l’anomalia disfunzionale non paga nemmeno in politica: l’emozione dura poco, poi arriva il contraccolpo.

      Questa patologia applicata alla politica continua a farsi sentire ancora oggi, a destra come a sinistra, con l’intransigenza suicida dei Tea Party e l’inconsistenza velleitaria degli Occupy Wall Street; con gli Snowden e gli Assange e i Greenwald convinti, grazie anche alla complicità della stampa borghese, di essere i nuovi Che Guevara contemporanei. Sulla paranoia nel mondo cosiddetto libertario hanno riflettuto nelle scorse settimane lo storico Sean Wilentz su New Republic e il costituzionalista e mentore di Obama Cass Sunstein su Bloomberg Businessweek. Gli Stati Uniti, però, hanno istituzioni solide, regole consolidate, fair play bipartisan. Da oltre due secoli, non da ieri. La polemica è molto spesso aspra, il filibustering è stato inventato lì, ma nessuno delegittima davvero l’avversario e il sistema riesce ad assorbire le esagerazioni paranoiche dell’estremismo extraparlamentare.

      Noi che pure non ci siamo mai fatti mancare niente – comunismo, fascismo e terrorismo rosso e nero compresi – fin qui ne eravamo rimasti esenti: le «menti arrabbiate», come le chiamava Hofstadter, nell’Italia repubblicana sono rimaste ai margini della politica, hanno frequentato le ridotte dell’eversione e sono state perlopiù fenomeni di nicchia o al servizio di interessi o ideologie più strutturate che comunque si fronteggiavano nelle trincee democratiche della Guerra fredda. Le ideologie novecentesche erano radicate nella società, basti pensare al Pci e al Msi, e sono riuscite a contenere l’animosità, la passione e il delirio delle minoranze esagitate. Ma sconfitto il comunismo, e assorbito il reducismo fascista, le cose sono cambiate.

      Oggi i protagonisti non sono più i vecchi partiti, né i loro eredi: nessuno può pensare davvero che in caso di vittoria della sinistra «i cavalli dei cosacchi si abbevereranno nelle fontane di San Pietro». I nostalgici dell’antica tradizione di sinistra, ridotti a percentuali da mozione Civati, al massimo si potrebbero abbeverare di sambuca al Bar Necchi del Pigneto. E vogliamo prendere sul serio Fratelli d’Italia o la Destra di Storace?

      Con l’avvento di Beppe Grillo, della Casaleggio Associati e della loro ideologia da romanzi Urania è cambiato tutto: lo stile paranoico ora è tra noi. Quello che scrive Sunstein vale anche per i grillisti: la sindrome da accerchiamento, l’idea che gli altri, i cattivi, stiano tramando con metodi illeciti, anzi occulti, per piegare il movimento, i diritti civili, la democrazia. Non credono a niente, quindi credono a tutto, dalle sirene alle scie chimiche, e non c’è verso di farli ragionare. Sono fanatici e non si fidano di nessuno, nemmeno dei loro amici. Presumono sempre la cattiva fede di chiunque non faccia parte del clan, e sospettano che anche i membri ristretti del gruppo possano essere potenziali traditori.

      Infine sono vittimisti, si oppongono alla mediazione, celebrano l’indifferenza allo scambio. Per loro ogni giorno è quello del giudizio, del colpo di Stato, dell’apocalisse. E non si capisce mai se lo temano o se ne siano tentati.

      Questa intransigenza insensata non è una strategia, come prescritto dai manuali dei regimi totalitari. Non sono così raffinati. Il lato paranoico è l’essenza stessa del movimento: si comportano come fascisti o polpottisti, con violenza per ora soltanto verbale, ma in realtà non sanno, non capiscono, non conoscono. Il deputato che urla in Parlamento «boia chi molla» convinto di difendere il collega che aveva dato di «boia» al presidente Napolitano non sa che quello è stato un motto caro al Duce e, poi, l’inno dei moti della Reggio Calabria di Ciccio Franco. O quell’esperto di comunicazione un metro sotto Casaleggio che, in un italiano stentato ma d’ordinanza, spiega che anche se i grillini fossero stupratori potenziali non ci sarebbe nessun pericolo per la presidente Boldrini, be’, anche lui non si rende conto di cosa sta dicendo. Esattamente come il führer massimo, Grillo Giuseppe detto Beppe, quando chiede alla Rete che cosa ci farebbe con la Boldrini in macchina.

      Quello che voglio dire è che non ci fanno, ci sono. E non lo sanno.

      Christian Rocca

      camilloblog.it
      Tesla referral
      We are the sons and daughters of all the freedom fighters.
      And there are still many rivers to cross.
      Hands in the air, screaming loud and clear for freedom, justice and equality.
      There is no black or white, there is only right and wrong.
      We are unknown heros, we are flesh and we are blood.
      We are the great future.
      We need to get back to the joy of living.
      We are five fingers of an empty hand.
      But together, we can also be the fist.
      Sometimes change can be as simple as two hands reaching for one another.
      Clap your hands.


    2. #82
       T. Col. C.te
       SuperPippa
      Forum Utente non accreditato
      Dal: marzo 2009
      Prov: TR - Terni
      Messaggi: 8 425
      Profilo: 2511 visite
      Gradimento: 103
      9.1

      n€Store
      Cash: n€ 68 046=
      Banca: n€ 11 250=

      Re: VERITA' VS MENZOGNA ( Infamia Globale )

      Quote highlander ha scritto: Visualizza il messaggio
      Cinquant’anni fa, nel 1964, il professore della Columbia University Richard J. Hofstadter scrisse per la rivista Harper’s un saggio così influente e fortunato che ancora adesso non si può fare a meno di citarlo durante le discussioni colte sulla politica americana. L’articolo di Hofstadter, poi diventato un libro, è Lo stile paranoico della politica americana, un trattato sull’influenza delle teorie complottistiche nella politica statunitense. Lo stile paranoico fu scritto ai tempi della vittoria del senatore conservatore, e guru del movimento libertario, Barry Goldwater alle primarie repubblicane per la presidenza degli Stati Uniti, e descriveva la cultura del sospetto, le manie persecutorie e le fantasie dietrologiche che seguirono l’ascesa del senatore dell’Arizona, e non solo la sua. Naturalmente alla Casa Bianca poi fu eletto il democratico Lyndon Johnson, nella più ampia vittoria a valanga mai registrata alle presidenziali, a dimostrazione che l’anomalia disfunzionale non paga nemmeno in politica: l’emozione dura poco, poi arriva il contraccolpo.

      Questa patologia applicata alla politica continua a farsi sentire ancora oggi, a destra come a sinistra, con l’intransigenza suicida dei Tea Party e l’inconsistenza velleitaria degli Occupy Wall Street; con gli Snowden e gli Assange e i Greenwald convinti, grazie anche alla complicità della stampa borghese, di essere i nuovi Che Guevara contemporanei. Sulla paranoia nel mondo cosiddetto libertario hanno riflettuto nelle scorse settimane lo storico Sean Wilentz su New Republic e il costituzionalista e mentore di Obama Cass Sunstein su Bloomberg Businessweek. Gli Stati Uniti, però, hanno istituzioni solide, regole consolidate, fair play bipartisan. Da oltre due secoli, non da ieri. La polemica è molto spesso aspra, il filibustering è stato inventato lì, ma nessuno delegittima davvero l’avversario e il sistema riesce ad assorbire le esagerazioni paranoiche dell’estremismo extraparlamentare.

      Noi che pure non ci siamo mai fatti mancare niente – comunismo, fascismo e terrorismo rosso e nero compresi – fin qui ne eravamo rimasti esenti: le «menti arrabbiate», come le chiamava Hofstadter, nell’Italia repubblicana sono rimaste ai margini della politica, hanno frequentato le ridotte dell’eversione e sono state perlopiù fenomeni di nicchia o al servizio di interessi o ideologie più strutturate che comunque si fronteggiavano nelle trincee democratiche della Guerra fredda. Le ideologie novecentesche erano radicate nella società, basti pensare al Pci e al Msi, e sono riuscite a contenere l’animosità, la passione e il delirio delle minoranze esagitate. Ma sconfitto il comunismo, e assorbito il reducismo fascista, le cose sono cambiate.

      Oggi i protagonisti non sono più i vecchi partiti, né i loro eredi: nessuno può pensare davvero che in caso di vittoria della sinistra «i cavalli dei cosacchi si abbevereranno nelle fontane di San Pietro». I nostalgici dell’antica tradizione di sinistra, ridotti a percentuali da mozione Civati, al massimo si potrebbero abbeverare di sambuca al Bar Necchi del Pigneto. E vogliamo prendere sul serio Fratelli d’Italia o la Destra di Storace?

      Con l’avvento di Beppe Grillo, della Casaleggio Associati e della loro ideologia da romanzi Urania è cambiato tutto: lo stile paranoico ora è tra noi. Quello che scrive Sunstein vale anche per i grillisti: la sindrome da accerchiamento, l’idea che gli altri, i cattivi, stiano tramando con metodi illeciti, anzi occulti, per piegare il movimento, i diritti civili, la democrazia. Non credono a niente, quindi credono a tutto, dalle sirene alle scie chimiche, e non c’è verso di farli ragionare. Sono fanatici e non si fidano di nessuno, nemmeno dei loro amici. Presumono sempre la cattiva fede di chiunque non faccia parte del clan, e sospettano che anche i membri ristretti del gruppo possano essere potenziali traditori.

      Infine sono vittimisti, si oppongono alla mediazione, celebrano l’indifferenza allo scambio. Per loro ogni giorno è quello del giudizio, del colpo di Stato, dell’apocalisse. E non si capisce mai se lo temano o se ne siano tentati.

      Questa intransigenza insensata non è una strategia, come prescritto dai manuali dei regimi totalitari. Non sono così raffinati. Il lato paranoico è l’essenza stessa del movimento: si comportano come fascisti o polpottisti, con violenza per ora soltanto verbale, ma in realtà non sanno, non capiscono, non conoscono. Il deputato che urla in Parlamento «boia chi molla» convinto di difendere il collega che aveva dato di «boia» al presidente Napolitano non sa che quello è stato un motto caro al Duce e, poi, l’inno dei moti della Reggio Calabria di Ciccio Franco. O quell’esperto di comunicazione un metro sotto Casaleggio che, in un italiano stentato ma d’ordinanza, spiega che anche se i grillini fossero stupratori potenziali non ci sarebbe nessun pericolo per la presidente Boldrini, be’, anche lui non si rende conto di cosa sta dicendo. Esattamente come il führer massimo, Grillo Giuseppe detto Beppe, quando chiede alla Rete che cosa ci farebbe con la Boldrini in macchina.

      Quello che voglio dire è che non ci fanno, ci sono. E non lo sanno.

      Christian Rocca

      camilloblog.it
      A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.
      -- Giulio Andreotti --



    3. #83
       Colonnello C.te
       
      Forum Utente non accreditato
      Dal: luglio 2003
      Prov: FC - Forlì-Cesena
      Messaggi: 13 332
      Profilo: 5269 visite
      Gradimento: 162
      8.3

      n€Store
      Cash: n€ 109 961=
      Banca: n€ 0=

      Re: VERITA' VS MENZOGNA ( Infamia Globale )

      Quote highlander ha scritto: Visualizza il messaggio
      .. nessuno può pensare davvero che in caso di vittoria della sinistra «i cavalli dei cosacchi si abbevereranno nelle fontane di San Pietro». I nostalgici dell’antica tradizione di sinistra, ridotti a percentuali da mozione Civati, al massimo si potrebbero abbeverare di sambuca al Bar Necchi del Pigneto.
      "..le parole del colonnello dicevano stranamente che l' Italia era la',la'...dove,non lo intendevamo,ma noi la facemmo lì,fra i reticolati,sotto gli occhi severi e giudici dei prigionieri russi e francesi che volevano vedere chi fossero questi-"macaroni"-" Adler Raffaelli
    4. #84
       T. Col. C.te
       SuperPippa
      Forum Utente non accreditato
      Dal: marzo 2009
      Prov: TR - Terni
      Messaggi: 8 425
      Profilo: 2511 visite
      Gradimento: 103
      9.1

      n€Store
      Cash: n€ 68 046=
      Banca: n€ 11 250=

      Re: VERITA' VS MENZOGNA ( Infamia Globale )

      Ora , io non sono un complottista.
      Vedo nuvole sia all'alba che al tramonto.... , a volte anche a mezzo dì ( non mi voler male Joseph)....

      Ma è anche evidente che le scie chimiche ci sono e in particolare nelle zone con traffici aerei più intensi; il cielo non è più lo stesso e negarlo mi sembra abbastanza sciocco.
      Ora c'è da capirne oltre alla natura , l'eventuale impatto e pericolosità.
      Non sono uno scienziato ne bene informato , ma ho sentito di studi del terreno e quindi dei depositi a terra nelle zone più soggette a questi fenomeni abbastanza inquietanti.
      Qualora questi studi fossero veritieri , come i livelli di sostanze nocive anormali di cui ho sentito, dovremmo seriamente preoccuparci tutti.

      In ultimo pur non essendo un complottista , non mi stupirei se grossi poteri economici , riuscissero nell'impresa di influenzare l'opinione pubblica e coprire di ca.cca o insabbiare studi importanti ma sconvolgenti che farebbero crollare castelli d'oro.

      Quantomeno non sarebbe la prima volta...considerando che in genere poi chi finanzia le ricerche più importanti sono gli stessi soggetti che gestiscono le grandi lobby d'interesse.

      E' vero in giro c'è tanta cultura generalizzata e tanto terrorismo mediatico ( basta guardare la programmazione di molti canali tematici in tv) , e per qualcuno è facile farsi prendere più la mano ma è evidente che qualcosa nei cieli non va , magari è solo inquinamento , ma comunque non va.

      Siamo oggettivamente una razza infestante e che per grossi interessi in mille occasioni non si è fatta scrupolo di devastare e compromettere l'unica casa che abbiamo, la terra, attentando alla salute pubblica.
    5. #85
       Generale CSM
       Administrator
      Forum Utente non accreditato
      Dal: gennaio 2003
      Prov: MI - Milano
      Messaggi: 63 674
      Profilo: 23519 visite
      Gradimento: 389
      9.1

      n€Store
      Cash: n€ 230 364=
      Banca: n€ 15 034=

      Re: VERITA' VS MENZOGNA ( Infamia Globale )

      Quote lucius ha scritto: Visualizza il messaggio
      Ora , io non sono un complottista.
      Vedo nuvole sia all'alba che al tramonto.... , a volte anche a mezzo dì ( non mi voler male Joseph)....

      Ma è anche evidente che le scie chimiche ci sono e in particolare nelle zone con traffici aerei più intensi; il cielo non è più lo stesso e negarlo mi sembra abbastanza sciocco.
      Ora c'è da capirne oltre alla natura , l'eventuale impatto e pericolosità.
      Non sono uno scienziato ne bene informato , ma ho sentito di studi del terreno e quindi dei depositi a terra nelle zone più soggette a questi fenomeni abbastanza inquietanti.
      Qualora questi studi fossero veritieri , come i livelli di sostanze nocive anormali di cui ho sentito, dovremmo seriamente preoccuparci tutti.

      In ultimo pur non essendo un complottista , non mi stupirei se grossi poteri economici , riuscissero nell'impresa di influenzare l'opinione pubblica e coprire di ca.cca o insabbiare studi importanti ma sconvolgenti che farebbero crollare castelli d'oro.

      Quantomeno non sarebbe la prima volta...considerando che in genere poi chi finanzia le ricerche più importanti sono gli stessi soggetti che gestiscono le grandi lobby d'interesse.

      E' vero in giro c'è tanta cultura generalizzata e tanto terrorismo mediatico ( basta guardare la programmazione di molti canali tematici in tv) , e per qualcuno è facile farsi prendere più la mano ma è evidente che qualcosa nei cieli non va , magari è solo inquinamento , ma comunque non va.

      Siamo oggettivamente una razza infestante e che per grossi interessi in mille occasioni non si è fatta scrupolo di devastare e compromettere l'unica casa che abbiamo, la terra, attentando alla salute pubblica.
      No lucio!
      Che gli aerei scarichino quintali di kerosene bruciato dai motori, nessuno lo mette in discussione.
      I "complottisti" delle scie chimiche non sono ambientalisti: loro sostengono che ci sono apparecchi appositi installati sugli aerei di linea (e anche in altri aerei "fantasma") che rilasciano sostanze chimiche per controllare il meteo...

      capisci???

    Pagina 9 di 9 primaprima ... 789

    Navigazione

    Tag per questa discussione